Home Attività Bambini Didattica Ranch Vacanze Gallery Contatti
               
 
Heart And Mind
 
 
Chi è il cuore e la mente del Margarete?
 
 
Marianna Nascosi, per tutti Anna, qui meglio conosciuta come “Anna dei Cavalli”, nata a Ferrara, ha vissuto a Tresigallo la sua adolescenza inquieta e ribelle con poca voglia di studiare; terminati gli studi professionali come operatore turistico, vive la giovinezza all’insegna dello spasso, in modo emancipato e sfaccendato, aiutando part-time nell’attività di famiglia.
Finalmente all’età di 24 anni, l’opportunità di mettere la “testa a posto”! Pur non avendo studiato come perito industriale, viene assunta a Bologna da un’azienda del settore metalmeccanico grazie ad un amico di famiglia, cominciando dalla “gavetta”, e dopo qualche mese si trasferisce a vivere nella capitale.
 
 
La sua passione per il computer, nata quando ancora esisteva MsDos e approfondita da autodidatta con l’avvento di Windows, le ha permesso di farsi strada nell’ambito professionale, fino a ricoprire mansioni di impiegata ufficio acquisti e responsabile di gestione della produzione. Durante i 14 anni vissuti a Bologna ha maturato uno stile di vita autonomo, indipendente e coscienzioso; in seguito cambiò azienda motivata dal desiderio di crescita professionale e miglioramento economico.
Come si dice: “impara l’arte e mettila da parte”!

 
 
Nel 2004 un evento destabilizzante, causato da stress e tensioni nella sfera privata, si ammalò di attacchi di panico, impedendole di condurre la vita di sempre e causandole rilevanti problemi a livello psicologico e di indipendenza. Dopo un anno incapace di uscirne da sola si rivolse ad una psicologa, richiese un anno e mezzo per guarire quasi del tutto da quello stato, però ancora mancava uno step…
ritrovare se stessa, sentirsi di nuovo libera e capace di affrontare la vita!
 
 
Irrequieta e alla ricerca di un cambiamento, coltivando da qualche anno la passione per la fotografia, nel 2007 un incontro fortuito le offrirà l’occasione di esaudire il "Sogno Americano" ...un’esperienza alla pari in Arizona per vivere un po’ del vecchio west, di polvere del deserto e dei cowboys a cavallo. La sfida era mettersi in gioco, affrontare le paure con le proprie forze, in un altro continente lontano 10.000 km da casa, lei e un’amica all’avventura come “Thelma & Louise”, alla scoperta di tutto ciò che era nel loro immaginario… Due mesi e mezzo al “White Stallion Ranch” come aiutanti nel servizio pasti, pulizia degli alloggi, grooming dei cavalli; poi il noleggio di un’auto e il tour di tre settimane per vedere undici parchi nazionali, diciassette località tra città e luoghi di interesse, attraverso cinque stati dell’ovest per concludere il viaggio visitando Los Angeles prima del rientro in Italia.
 
 
L’impresa epica della sua vita che le ha permesso di “vivere il cavallo", l’incontro con questo “essere pensante e nobile” è stato determinante!

Tornata da questo viaggio più forte di prima, caparbia, tenace ed intraprendente, pronta a ricominciare a lottare per una migliore qualità di vita dal punto di vista esistenziale… sente che è mutato qualcosa dentro di lei, non si accontenterà di tornare alla routine di prima, avverte un forte impulso al rinnovamento! Vuole imparare ad andare a cavallo, cosa non semplice all’età di 35 anni, tuttavia proprio per le difficoltà incontrate, questa attività l’aiuterà a risolvere l’ultimo step, imparare a gestire e superare gli ostacoli, a ritrovare fiducia in se stessa, autostima e consapevolezza delle proprie forze!
 
 
Rientrata a Bologna, riprende un lavoro d’ufficio e nel tempo libero opera per due anni come volontaria nel maneggio di un villaggio turistico ai lidi ferraresi, dove allevano cavalli bianchi di razza Camargue, assistendo alla messa in sella dei turisti e portando i bambini in giro con un vecchio cavallo, Scirocco. Sperimenta così la gioia che possono regalare questi animali a bambini e a persone con disabilità, riflette e sente che le si apre di fronte una nuova strada da percorrere… fare del proprio lavoro una missione per aiutare il prossimo attraverso il cavallo, come è stato per lei… “serendipity” nulla accade per caso!

 
 
In seguito incontrerà un addestratore di cavalli che la convincerà a seguirlo in Abruzzo, dove si trasferì qualche mese più tardi, dopo che un forte terremoto colpì la città di L’Aquila nel 2009, decidendo di lasciare la vita che conosceva, il posto fisso e la sicurezza economica per vivere e lavorare in un allevamento di cavalli di razza americana e reinventarsi una nuova vita per la seconda volta… ricominciando dal basso, pulendo i box e accudendo i cavalli… una nuova sfida!

 
 
Qui conobbe il proprietario dell’allevamento Shenandoah Ranch di Montereale, con il quale strinse un rapporto di collaborazione ed iniziò un percorso di formazione per l’insegnamento dell’equitazione rivolta soprattutto ai giovani. Nel 2013, dopo aver costituito l’associazione sportiva dilettantistica, comprò un terreno adiacente l’allevamento dove sistemare pony e cavalli presi per la scuola equestre, quando le si presentò l’occasione di partecipare ad un bando regionale che la porterà ad intraprendere la costruzione del Margarete Horse Ranch a Capitignano, perdurata due anni prima di poter essere operativa nel 2015. Sempre qui troverà il suo grande amore, Pegaso, il cavallo nero sopranominato da tutti Giorgio!
 
 
Nella vita ha sempre messo al primo posto l’amore verso gli animali, i suoi cani e il gatto sono diventati la sua famiglia vivendo lontano dai genitori. Sentimentalmente non è stata fortuna, non si è mai sposata, ha avuto due storie importanti ma complicate e burrascose e non ha avuto figli, perdendo la possibilità di averne con l’ultima relazione sbagliata.
Oggi continua imperterrita a portare avanti questo progetto, nonostante gli eventi che hanno segnato l'attività negli ultimi cinque anni, dai terremoti nel centro Italia con epicentro anche Capitignano, all’emergenza epidemiologica dell’ultimo periodo, esitando qualche volta se fosse la strada giusta da continuare a percorrere dato il futuro incerto, tuttavia ha consacrato la sua vita agli animali e alla natura con l’obiettivo di perseguire "la sua missione" …offrire al prossimo la conoscenza dei benefici che può donare chi l’ha aiutata in silenzio a guarire… il cavallo!!
 
 
Posso sembrare una persona “strana”, eremita ed antisociale, perché vivo in modo insolito, in mezzo alla natura circondata solo da animali, probabilmente la mia sensibilità ed empatia innata mi ha portato a scegliere questo stile di vita, però credo che siano proprio queste doti che mi permettono di fare questo lavoro e di riuscire a trasmettere emozioni ai bambini…
qualcuno mi ha detto che riesco a comprendere le persone nel profondo… mi ha detto anche che non vede il confine dove finisce il lavoro ed inizia la vita privata… probabilmente è così… vivo per i miei cavalli e il lavoro è la mia vita!
 
 
Dedico la mia biografia ai miei genitori che nonostante tutti i momenti di disaccordo che abbiamo attraversato fino a qui, hanno comunque appoggiato la mia scelta e capito il valore di questo posto!

Una volta ho letto “una maledizione cinese è vivere in tempi di mutamenti”, oggi sta accadendo proprio questo e ci insegna la resilienza, ovvero il sapersi adattare ai mutamenti cercando di vedere sempre avanti la propria strada.
Ho scritto questa biografia per esprimere un messaggio, per chi nella vita ha paura di cambiare la strada vecchia per la nuova, ci si incontra sempre ad un bivio, sta a noi cogliere l’opportunità senza guardarsi indietro!

Cambiare si può… segui il tuo cuore e il tuo intuito, essi sanno cosa vuoi realmente diventare…
Siate folli! Steve Jobs
 
   
Associazione
Story
Anna
Indietro              
Oipes Engea Dati
Facebook Tripadvisor Parco Nazionale News MAIL CONI FISE Home Attività Bambini Didattica Ranch Vacanze Gallery Contatti